giovedì 6 dicembre 2007

Habanero Red Savina, peperoncino piccante

L'estetica del Piccante


Uno degli hobby di mio marito è la cura dell'orto. Egli vi dedica buona parte del suo tempo. Uno dei suoi principali problemi è che, dove abitiamo adesso, non abbiamo un orto! Viviamo in un appartamento al secondo piano dotato di ampi balconi ed uno di questi, il più ampio e il più soleggiato, è diventato il suo orto. Grazie all'ausilio di vasi dalle svariate dimensioni, ha ridotto questo balcone ad una specie di "giardino pensile". All'inizio è partito con piccole piante di spezie (maggiorana, salvia, origano, ecc…), poi ha continuato con colture sempre più impegnative: prezzemolo gigante, basilico a foglia d'insalata (con foglie enormi, che usa per fare il suo prelibato pesto alla genovese), tappeti di erba cipollina, foreste di borragine. Ma il suo orgoglio sono senza dubbio i peperoncini. Era partito con la qualità classica, poi ha man mano arricchito le sua collezione con le varietà "Tondo Calabrese", "Ammazzo" (piccoli peperoncini grandi come piselli, a grappolo, piccantissimi a suo dire), l'"Habanero Yellow" (giallo, bellissimo), fino alla vetta, raggiunta quest'anno con la coltivazione del peperoncino bianco ("Habanero Bianco"), di cui ignoravo l'esistenza. Ma a mio avviso, il più bello è senza dubbio L'Habanero Red Savina.

Originarie del Centro America, tutte le varietà di peperoncino erano sconosciute in Europa fino alla scoperta di Cristoforo Colombo, ma presto furono importate nel vecchio continente insieme ad altri ortaggi (pomodori, patate, mais, ecc…). Inizialmente utilizzate a scopo ornamentale, furono successivamente usate per conservare gli alimenti e come spezia a buon mercato (con il nome di "Pepe d'India") in sostituzione del pepe comune, allora costosissimo. La sostanza che determina la "piccantezza" dei peperoncini è la capsaicina ed i gradi di piccante delle innumerevoli varietà sono catalogate in una graduatoria chiamata "Scala Scoville", in cui al primo posto risulta la capsaicina pura e all'ultimo il peperone comune dolce. L'Habanero Red Savina, della famiglia delle "Solanacee", specie "Capsicum Chinense", è di un piccante da Guinness dei Primati (577.000 unità Scoville). Il ciclo completo dura circa 90 giorni, ma spesso, con le dovute cure, anche oltre. La pianta ha steli e foglie larghe color verde brillante, può raggiungere un'altezza di 70 cm, ha fiori bianchi e una buona produzione di circa 30/40 bacche a pianta, il frutto si presenta di superficie irregolare ed una colorazione che muta dal verde brillante al rosso intenso e brillante quando maturo. Il profumo è particolare, differente dal peperoncino classico, molto intenso.

Io, non mangiando piccante, non ho condiviso subito questa passione. Poi un giorno accadde che, per il forte vento che fece cadere a terra alcuni vasi, mio marito pensò di portare in casa le piante di peperoncino alle quali teneva di più, quelle delle varietà più rare. La sera ricevemmo degli ospiti che rimasero stupefatti dalla bellezza di tali sgargianti arbusti, con peperoncini dalle svariate forme, dimensioni e colore. Soprattutto l'Habanero Red Savina attirò molto l'attenzione delle mie amiche, che mi chiesero i semi per poterla coltivare a loro volta. Alla fine ne staccarono alcune bacche a testa, dietro raccomandazione di mio marito di maneggiarle con una certa cura durante l'apertura. Insomma, non avevo mai preso in considerazione la funzione "estetica" della pianta di peperoncino, che fino a quel momento avevo affidato solo a piante grasse (le mie preferite), alcune sempreverdi e ad i classici gerani. Da quel giorno mi faccio sempre preparare qualche bel vaso da mettere sugli altri balconi o sulle scale, i visitatori ne restano sempre visibilmente colpiti. Unica accortezza: attenti ai bambini, non fateli avvicinare alle bacche!

Per mio marito resta principale la funzione alimentare del peperoncino, che preferisce consumare fresco (quando disponibile), ma che conserva anche in svariati modi per utilizzarlo nei mesi invernali. Vi lascio con alcuni suoi consigli sui metodi di conservazione, nel caso siate come lui appassionati di piccante a tavola. Ciao!


CONSERVAZIONE DEL PEPERONCINO:
IN POLVERE: il modo migliore di conservare e utilizzare il peperoncino è di seccarlo al sole e macinarlo con tutti i semi. C'è da aggiungere solo il consiglio di conservare la polvere in vasetti di vetro chiusi ermeticamente e sistemati in un luogo asciutto. In questo modo lo si ha sempre a portata di mano per condire le pietanze.
COLLANE O TRECCE: si infilano dai gambi con ago e filo e si fanno seccare al sole. Arredano con colore la cucina e sono sempre pronti all'uso. È il sistema più diffuso e più pratico.
SOTT'OLIO: si conservano sott'olio sia freschi appena raccolti, sia secchi, a proprio gusto interi o spezzettati. Dopo una quindicina di giorni, l'olio diventerà rosso e potrà essere utilizzato. Un consiglio: consumarlo entro tre/quattro mesi dalla preparazione e non rimboccarlo man mano che si consuma. A contatto con il peperoncino, l'olio aumenta di acidità e può provocare disturbi allo stomaco.
CONSERVA: si mettono in pentola, assieme, peperoncini e pomodori. La proporzione è di 4 a 1, cioè quattro parti di peperoncini e una parte di pomodori. Si fanno bollire assieme e si tolgono dal fuoco quando i pomodori sono cotti. Si passa tutto nel passaverdura e si stende la conserva in un grosso piatto lasciandola seccare per mezza giornata. Infine bisogna sistemarla nei vasetti con sopra un filo di olio. Basterà un cucchiaino di questa conserva per insaporire i sughi, le salse ed ogni tipo di pietanza.
SOTTO ACETO: una volta raccolti i peperoncini, aprirli e farli asciugare al sole per una giornata, poi sistemarli nei vasetti e coprirli di aceto. L'aceto si insaporirà e potrà essere utilizzato lasciando i peperoncini nei barattoli. Con l'aceto si possono ravvivare piatti di patate o legumi lessati, inoltre è ottimo per accompagnare i bolliti.
ALL'ACQUA: appena raccolti, i peperoncini vengono messi in vasetti con uno spicchio d'aglio, foglie di menta e molto sale coprendo tutto con acqua. Sono ottimi come condimento e si sposano bene con piatti di carne.


Prodotto: Habanero Red Savina
Costo sementi: 2,00 euro (su Ebay)

7 commenti:

vecchiatalpa ha detto...

buono il peperoncimo!

Andrea ha detto...

interessante questo articolo ora lo stampo, adoro il peperoncino!

Raggio di sole ha detto...

Interessante questa pagina , la dovrei fare leggere a mio marito , è lui il pollice verde in casa !
Buona serata

sauvage27 ha detto...

iNVIDIO TUO MARITO PER LA PASSIONE CHE HA... , ..IO CEMENTERI TUTTO IL MIO ORTO ...CHE NON è PICCOLO... , ..MANDI MANDI ...LORIS...

Laura ha detto...

Io adoro il peperoncino!!!! Ho visto che ti sei iscritta a technorati...bene bene, allora ti linko. Ciaooooo.

sauvage27 ha detto...

Ciao...una bella paginetta...molto piccante direi... , ...mandi mandi ...Loris....

sauvage27 ha detto...

Ciao...un piccolo passaggio per un piccolo saluto..e per augurarti Buon Natale... , ..mandi mandi ...Loris...